Albero dell'Om

 

Installazione sonora e site-specific

Sabato 16 giugno - 31 ottobre 2018, Villa Buri (VR)

Legno, cinghie a cricchetto e corde metalliche

Dimensioni variabili

Il progetto muove dal concetto di Om, ritenuto nell'induismo il suono primordiale che ha dato origine alla creazione intesa come sua stessa manifestazione, e il quale (riprodotto sotto forma di mantra), costituisce la metafora dell'unione e l'essenza di ogni aspetto del divino.

L'intervento prevede l'installazione di due strumenti chitarrofoni all'interno dell'ambiente naturale tramite l'impiego di tre corde di pianoforte a bassa frequenza tese e accordate sulla cavità di un tronco d'albero, in riferimento al concetto metafisico di sintesi del tre in uno trascendente il dualismo mente-corpo che esso sta a significare.

Ai piedi di ciascuno dei due alberi un gruppo di tre calle piantate al suolo si erge a riprova di tale concetto.

Albero dell'Om, Rendering digitale progetto, Pubblicazione in catalogo per la seconda edizione di “Linea Terra Acqua - Parco di arte e natura - Suono e materia”, 2018, a cura di Marta Ferretti

Albero dell'Om, Installation View, Pubblicazione in catalogo per la seconda edizione di “Linea Terra Acqua - Parco di arte e natura - Suono e materia”, Villa Buri, 2018, PH: Daniele Salvalai